14
Giu
09

La libertà di stampa secondo il premier

Quando si vuole criticare una testata giornalistica, la prima cosa che se ne mette in dubbio è l’obiettività. In particolare si è soliti dire che tutti giornali, anche i più blasonati, devono comunque cedere al ricatto “compiacenza in cambio di pubblicità” e spesso preferiscono non parlare male dei loro inserzionisti.

Ora io mi chiedo: cosa succede se è proprio una delle più alte figure istituzionali di questo paese, un premier con il senso dello stato pari a quello di un ferro da stiro, a legittimare la turpe pratica del ricatto sopradescritta affermando davanti agli industriali “niente soldi (in pubblicità) ai (media) disfattisti?”

Cosa succede quando l’uomo più potentre d’Italia mostra in pubblico il suo palese disprezzo per la libertà di stampa e di pensiero, per chi non è allineato e genuflesso di fronte ai suoi interessi, senza che nessuno più si indigni e dica basta?

Semplice: siamo in Italia e non succede nulla.


1 Response to “La libertà di stampa secondo il premier”


  1. giugno 14, 2009 alle 10:34 pm

    ..oppure proprio perchè siamo in Italia succede tutto… tutto quello che vuole il premier.
    La nausea ha ormai lasciato il posto ad una bottiglia di Valium.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Yoriah’s Corner Feed and Newsletter

giugno: 2009
L M M G V S D
« Apr   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

My Photos









Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: